Comune di Giba

ORDINANZA DEL 20.03.2020 EMANATA DAL MINISTRO DELLA SALUTE - MISURE DI CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DEL COVID-19 (CORONAVIRUS)

Pubblicata il 20/03/2020

Carissimi e Carissime,
le continue e ripetute violazioni delle disposizioni Governative e Regionali, hanno convinto il Ministro della Salute ad emanare una nuova Ordinanza contenente un ulteriore inasprimento delle misure di restrizione della libertà personale già vigenti.
In un solo giorno nella nostra Regione ci sono stati 82 nuovi positivi mentre in tutta Italia se ne sono registrati 4.670. I morti in un solo giorno sono stati 627, mai così tanti!
Questi numeri da soli dovrebbero bastare per farci riflettere e comprendere che, in assenza di cure e con strutture ospedaliere lontanissime da un ottimo standard di qualità, è necessario evitare la diffusione del COVID-19 con qualsiasi mezzo! Il migliore dei quali, consiste nell’evitare i contatti interpersonali.
Questa sopra esposta è la ragione fondante del perché si sia imposto (chiesto, forse troppo gentilmente) di stare in casa.
Non si capisce pertanto il motivo per cui si cerchi qualsiasi scusa per eludere i divieti ed uscire dalla propria abitazione.
Stare chiusi in casa, apparentemente senza motivo, non è piacevole per nessuno.
Ma se la maggioranza dei cittadini rispetta il divieto, non vedo perché non lo debbano fare tutti coloro che non hanno motivi di lavoro, di salute o di urgente necessità.
Probabilmente, questo resterà un quesito senza soluzione.
Ciò premesso, porto alla Vostra attenzione la nuova Ordinanza emessa questa sera dal Ministro della Salute che fino al 25 marzo 2020, inasprisce le misure già stabilite.
In particolare, viene vietato l’accesso ai parchi, alle aree gioco, ecc.; non è più consentito svolgere attività all’aperto: LE PASSEGGIATE NON SONO PIU’ CONSENTITE, SE NON IN PROSSIMITA’ DELLA PROPRIA ABITAZIONE; non è più consentito recarsi da parenti ed amici per consumare il pranzetto domenicale, e così via…..
Verranno certamente aumentati anche i controlli da parte delle FORZE DELL’ORDINE che intensificheranno i controlli.
Considerata la costante diffusione del virus, dopo tale data e verrà emanato un ulteriore provvedimento ancora più restrittivo.

Il Sindaco
Andrea Pisanu

 

IL MINISTRO DELLA SALUTE HA EMANATO LA SEGUENTE ORDINANZA

Art. 1 (Ulteriori misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale)

1. Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19 sono adottàte, sull’intero territorio nazionale, le ulteriori seguenti misure:

a) è vietato l’accesso del pubblico ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici;

b) non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto; resta consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione, purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona;

c) sono chiusi gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, posti all’interno delle stazioni ferroviarie e lacustri, nonché nelle aree di servizio e rifornimento carburante, con esclusione di quelli situati lungo le autostrade, che possono vendere solo prodotti da asporto da consumarsi al di fuori dei locali; restano aperti quelli siti negli ospedali e negli aeroporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro;

d) nei giorni festivi e prefestivi, nonché in quegli altri che immediatamente precedono o seguono tali giorni, è vietato ogni spostamento verso abitazioni diverse da quella principale, comprese le seconde case utilizzate per vacanza.


Art. 2 (Disposizioni finali)

1. Le disposizioni della presente ordinanza producono effetto dalla data del 21 marzo 2020 e sono efficaci fino al 25 marzo 2020.

2. Le disposizioni della presente ordinanza si applicano alle Regioni a statuto speciale e alle Province autonome di Trento e di Bolzano compatibilmente con i rispettivi statuti e le relative norme di attuazione.

 


Allegati

Nome Dimensione
Allegato 2003202019212600130.pdf.pdf.pdf.pdf.pdf 153.86 KB

Facebook Twitter